Giovedì 02 Ottobre 2014

Google: stipendi post-mortem per i dipendenti

Stampa
| Seguici su Google+

Il logo di GoogleMOUNTAIN VIEW (USA) - Google vuol dimostrar sempre più di essere una grande azienda dal volto umano, in particolare nel rapporto con i suoi dipendenti.

Infatti, i cosiddetti googler dal 2011 possono avere benefici post-mortem, ovvero il pagamento continuativo di metà dello stipendio ad un loro congiunto per 10 anni successivi alla morte.

Non solo, ma i figli riceveranno un assegno di mille dollari mensili fino al compimento dei 19 anni di età o dei 23 se si tratta di uno studente a tempo pieno.

Come ha spiegato il capo del personale di Mountain View, Laszlo Bock, si tratta di un gesto che l'azienda ha scelto di fare a prescindere della convenienza economica.

Diventare un dipendente Google, quindi, ha un vantaggio in più oltre ad avere un luogo di lavoro da sogno per comodità e servizi, nonché una mensa da gourmet e parrucchiere gratuito.

Google: stipendi post-mortem per i dipendenti
© Riproduzione riservata

360°

botulino-e-dintorni-tutti-i-dubbi-dei-pazienti-dalle-iniezioni-dal-parrucchiere-alle-false-nuove-formulazioni
L’Associazione italiana Terapia Estetica Botulino mette in guardia: «In crescita le persone che ci...

Cultura

gli-avion-travel-a-castel-del-monte
Alessandro Haber, le voci di Benedicta Boccoli e di Claudio Botosso, cinema e Avion Travel: sono...

Cinema & TV

a-venezia-71-si-discute-su-una-nobile-causa
VENEZIA 71- Anche noi ci affacciamo, come avrete notato, sulla passerella più famosa del momento. E lo...

DONNA

chi-dice-donna-dice-alba-adriatica
ALBA ADRIATICA - La donna è un elemento della natura, estremamente poliedrico quanto...

COMMUNITY

I TUOI AMICI SU FACEBOOK

SALUTE E BENESSERE

punture-di-insetti-come-difendersi-dalle-allergie-
La maggior parte degli individui, quando sono punte da Apidi e Vespidi, manifestano "reazioni locali"...

Auto&Moto

italiani-al-volante-6-su-10-sbagliano-strada
Italiani popolo di santi, poeti ma non navigatori. In estate ben 6 connazionali su 10 quando sono al...

Gruppo Editoriale: MOS Agency