Domenica 20 Aprile 2014

Google: stipendi post-mortem per i dipendenti

Stampa
| Seguici su Google+

Il logo di GoogleMOUNTAIN VIEW (USA) - Google vuol dimostrar sempre più di essere una grande azienda dal volto umano, in particolare nel rapporto con i suoi dipendenti.

Infatti, i cosiddetti googler dal 2011 possono avere benefici post-mortem, ovvero il pagamento continuativo di metà dello stipendio ad un loro congiunto per 10 anni successivi alla morte.

Non solo, ma i figli riceveranno un assegno di mille dollari mensili fino al compimento dei 19 anni di età o dei 23 se si tratta di uno studente a tempo pieno.

Come ha spiegato il capo del personale di Mountain View, Laszlo Bock, si tratta di un gesto che l'azienda ha scelto di fare a prescindere della convenienza economica.

Diventare un dipendente Google, quindi, ha un vantaggio in più oltre ad avere un luogo di lavoro da sogno per comodità e servizi, nonché una mensa da gourmet e parrucchiere gratuito.

Google: stipendi post-mortem per i dipendenti
© Riproduzione riservata

360°

se-questo-e-uno-zainetto
ROMA - "Camminavo guardando in alto, controllavo se arrivassero verso di noi bombe carta. Non mi sono...

Cultura

sincerita-soprattutto-in-amore
Un bilancio positivo per " SINCERITA' SOPRATTUTTO IN AMORE! ", dello spettacolo finale del Corso di...

Cinema & TV

de-carlo-premia-primaria-di-cugnoli-al-festival-di-cortometraggi-sul-cibo-biologico-
CUGNOLI – Anche quest’anno gli alunni della scuola primaria di Cugnoli si sono fatti onore nella...

DONNA

lanci-a-difesa-delle-donne
  TERAMO -  L’Associazione Regionale Comuni d’Abruzzo indice una  conferenza stampa, per il giorno 23...

COMMUNITY

I TUOI AMICI SU FACEBOOK

SALUTE E BENESSERE

labruzzo-e-la-lotta-alle-lista-dattesa-chiodi-le-sconfigge-cosi
ABRUZZO - Il Commissario Chiodi annuncia un nuovo servizio di cui potranno usufruire i cittadini per...

Auto&Moto

-labruzzese-matteo-ciprietti-soddisfazione-al-mugello
Il Trofeo Honda NSF 250 R,  si è aperto sabato 05 Aprile, che ha coinciso pure con una giornata molto...

Gruppo Editoriale: MOS Agency