Banner 1
Banner 2

Loreto Aprutino: a fuoco pullman di studenti

Loreto Aprutino: a fuoco pullman di studenti
LORETO APRUTINO - Le fiamme si sono sprigionate dal retro e l'autista non è stato in grado di spegnere l'incendio con un estintore.

L'inverno del nostro scontento

L'inverno del nostro scontento
Srour torna in campo per la Siria
messaggio pubblicitario
L'AQUILA - In Abruzzo è scattata l'allerta maltempo da parte della Protezione Civile, poiché dalla scorsa notte su tutta la Regione si stanno abbattendo intense piogge che hanno fatto superare a molti fiumi il livello di preallarme.
Intanto, a causa dell'innalzamento del fiume Pescara, nella giornata di ieri è stata interrotta la circolazione di alcuni treni nel pescarese, in particolare tra Scafa e Manoppello e sulla tratta Pescara-Sulmona.
Il Comune di Pescara ha anche ordinato il divieto di transito e sosta sulle aree golenali, mentre nella zona di Manoppello, per difficoltà strutturali legate al maltempo e all'ingrossamento del fiume Pescara, oltre al ponte ferroviario è stato chiuso pure quello della Strada Provinciale numero 57, essendo entrambi paralleli.
Inoltre, il Centro Funzionale della Protezione Civile d'Abruzzo ha spedito un'informativa alle Amministrazioni Comunali interessate per annunciare il sorpasso del livello di preallarme di numerosi corsi d'acqua, in tutte e quattro le Province, sollecitando tutti i Primi Cittadini a "mettere in atto le azioni previste nel Piano Comunale di Emergenza".
Per la giornata odierna il bollettino di allerta maltempo diffuso dalla Protezione Civile parla di un "codice arancione", ovvero di criticità moderata, per via di un rischio idrogeologico localizzato e per quello idraulico diffuso.
La coesistenza di nuovi accumuli nevosi freschi e pesanti in montagna ha intaccato la solidità del manto di neve già in quota, con rischio valanghe da moderato 2 a 3 evidenziato su tutto l'Appennino abruzzese, con specifico riferimento ai massicci del Gran Sasso e della Majella.
TERAMO - Scattato il Piano Neve per l'allerta sulle prossime ore, anche se la Protezione Civile parla di un "codice arancione", ovvero di criticità moderata. Le difficoltà più insistenti arrivano dalle piogge che ieri hanno causato alcuni problemi di smottamenti sulle Strade Provinciali.
Intanto, è stata sgomberata la Strada Provinciale numero 34 che collega Bisenti e Arsita. Ieri mattina una parte di parete, con alberi e terra, è scivolata a valle invadendo e ostruendo la strada.
I tecnici dell'Ente sono immediatamente intervenuti e questa mattina la frana è stata rimossa, ma i tecnici raccomandano il transito con prudenza perché si sta monitorando la frana di monte, per i segni di dissesto idrogeologico, e per la presenza di "fanghiglia" sul manto stradale. Agli automobilisti la situazione sarà indicata con un'apposita segnaletica.
Per quanto riguarda il sottopasso di Molino San Nicola dove ieri, nelle prime ore del mattino, si è verificato un accumulo d'acqua, si fa presente che la Provincia sta già lavorando su quell'area dove era necessario procedere a ripulire cunette e fossati da erba alta e canneti.
Sono state trasmesse al Comune le due soluzioni progettuali, di differenti importi, per il nuovo sottopasso ciclo pedonale ed è stato redatto quello per la sistemazione del sottopasso carrabile: il primo intervento riguarda proprio le opere per il deflusso delle acque. Per questi interventi e la riapertura delle condotte che impediscono il deflusso dell'acqua di fronte al Vecchio Mulino, i lavori saranno affidati la prossima settimana.
PESCARA - Nel pomeriggio di ieri, alle ore 17:30 circa, in Via Quarto dei Mille a Pescara, un equipaggio della Polizia di Stato, procedendo al controllo di due giovani, ha tratto in arresto un minorenne trovato in possesso di 53 grammi di marijuana. È stata quindi eseguita una perquisizione domiciliare nella sua abitazione, con l'ausilio di un'unità cinofila antidroga della Polizia, alla presenza della madre e del fratello maggiorenne.
In casa è stata trovata, nascosta in un balcone, altra droga dello stesso tipo (3,5 grammi), il cui possesso è stato rivendicato dal fratello, segnalato all'Autorità Amministrativa.
Il minore, risultato già pregiudicato per reati di vario genere, è stato arrestato per il reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente e, su indicazione del Pubblico Ministero di turno, associato presso l'Istituto per i Minorenni di L'Aquila in attesa della convalida.
GIULIANOVA - Il Sindaco Francesco Mastromauro e la Giunta hanno deciso di ricorrere a misure straordinarie per il parco degli Eucalipti, comunemente noto come parco Franchi, e per quello di Via del Campetto.
"Si tratta di due aree verdi - hanno detto il Sindaco e l'Assessore alla Manutenzione Nello Di Giacinto - che purtroppo hanno fatto registrare episodi di inciviltà. Il parco degli Eucalipti, in particolare, è quello che anche per la sua ubicazione strategica, insistendo tra il Lungomare Zara e Viale Orsini, presenta i maggiori problemi. Bivacchi notturni ma di frequente anche diurni, con atti vandalici insensati a danno della Bambinopoli, a cui pure abbiamo riservato tanta attenzione e investimenti per farne un fiore all'occhiello. Poi liti, combattimenti persino tra cani, ingiurie e minacce ai frequentatori. Non si tratta solo di problemi di ordine pubblico, per i quali auspichiamo un più incisivo intervento delle Forze dell'Ordine, ma anche di pulizia in quanto dopo i bivacchi puntualmente troviamo l'area insozzata. Penoso è poi l'utilizzo improprio, ed usiamo un eufemismo perché si tratta di vero e proprio sfregio, del “Peschereccio”, il gioco multiposto accessibile a persone con disabilità inaugurato il 3 maggio 2014 e donato dal Lions Club Giulianova Castrum insieme all'associazione “Giuliesi in scena”. Abbiamo quindi deciso di affidare l'apertura, la chiusura e il controllo diurno interno, per due volte al giorno, ad un Istituto di Vigilanza, che provvederà anche, mediante operatori armati, al controllo notturno esterno con tre passaggi a partire dalle ore 22, quindi dopo la chiusura del parco, fino alle 8 di mattina".
"Sarà cura dei vigilantes - hanno proseguito Mastromauro e Di Giacinto - verificare che non vi siano presenze all'interno delle aree verdi avvisando altrimenti le Forze di Polizia per il pronto intervento. Già in questo modo, venendo impedito l'accesso nelle ore notturne e quindi i bivacchi, si eviterà che gli spazi verdi pubblici vengano ridotti a una discarica. Fermo restando il servizio di pulizia affidato alla Giulianova Patrimonio fino al 1° aprile, data in cui, come è noto, entrerà in funzione il nuovo servizio di igiene e raccolta della Team-Diodoro".
FOSSACESIA - Dopo la segnalazione al Prefetto con la quale il Sindaco di Fossacesia, Enrico Di Giuseppantonio, aveva esposto l'incremento in città degli episodi di microcriminalità che stavano danneggiando e diffondendo ansia nei cittadini, lo scorso 30 dicembre 2014, nel corso di una riunione tecnica di Coordinamento dei Rappresentanti Provinciali delle Forze di Polizia, è stata disposta l'intensificazione dei servizi di controllo di tutto il territorio e l'opportunità di installare un idoneo impianto di videosorveglianza, per il quale l'Amministrazione Comunale verificherà la fattibilità. "Ho letto con estrema soddisfazione la nota a firma del Viceprefetto Vicario, Dottoressa Calabrese, con la quale mi è stata comunicata la decisione da parte delle forze di polizia che sarebbero stati intensificati i controlli sul territorio", ha dichiarato il Sindaco, Enrico Di Giuseppantonio "A dicembre - ha proseguito il Primo Cittadino - avevo ritenuto urgente segnalare con forza quello che stava succedendo in Città e il mio appello non solo è stato accolto, ma anche condiviso dalle Autorità preposte".
L'Amministrazione Di Giuseppantonio, all'interno del Programma di mandato amministrativo, ha stabilito l'avvio del progetto "Fossacesia sicura", che prevede, tra l'altro la costituzione di un tavolo in cui siano coinvolte tutte le istituzioni e le Forze dell'Ordine affinché si individuino le priorità su cui lavorare per rendere più sicura la Città. "Il progetto - ha affermato Di Giuseppantonio - contempla inoltre l'installazione di nuovi impianti di illuminazione e di un sistema di videosorveglianza da installarsi nei punti nevralgici del territorio, così da scoraggiare il compimento di atti vandalici e di microcriminalità".
A partire dal 1° gennaio il ritorno a Fossacesia della Polizia Locale ha dato una maggiore propulsione ad azioni di forte collaborazione con la locale Stazione dei Carabinieri, così da poter intensificare i controlli non solo nel centro, ma anche sul territorio di Villa Scorciosa, di Fossacesia Marina e nelle campagne.
"Vogliamo che i nostri cittadini possano sentirsi tranquilli e per il raggiungimento di questo obiettivo investiremo tutte le nostre forze. Per questa Amministrazione la loro sicurezza è una priorità assoluta", ha concluso Di Giuseppantonio.
ROMA - Dall'analisi dei dati annuali sugli interventi di cassa integrazione, i valori cumulati relativi al periodo gennaio-dicembre 2014 ci mostrano che nel corso dell'anno appena terminato sono state autorizzate 1.111,8 milioni di ore, il 5,97% in meno rispetto al 2013, nel quale sono state autorizzate complessivamente 1.182,3 milioni di ore di cassa integrazione.
Per quanto riguarda i dati mensili, nel mese di dicembre 2014 le ore di cassa integrazione complessivamente autorizzate sono state 89,4 milioni, con una diminuzione del -4,95% rispetto ai 94,1 milioni di ore registrate nel mese di dicembre 2013. I dati destagionalizzati evidenziano invece una variazione congiunturale pari a 11,3% rispetto al precedente mese di novembre 2014.
Passando alle singole tipologie di intervento, le ore di cassa integrazione ordinaria (Cigo) autorizzate a dicembre 2014 sono state 17,6 milioni: dal confronto con i 23,6 milioni di ore autorizzate nel mese di dicembre 2013 risulta pertanto una diminuzione tendenziale pari al -25,52%. In particolare, la variazione tendenziale risulta del -26,6% nel settore Industria e -21,9% nel settore Edilizia. Rispetto al precedente mese di novembre, le variazioni congiunturali calcolate sui dati destagionalizzati registrano un decremento pari a -1,5%.
Il numero di ore di cassa integrazione straordinaria (Cigs) autorizzate sempre a dicembre 2014 è stato pari a 38,9 milioni, il -16,0% rispetto allo stesso mese del 2013, nel corso del quale sono state autorizzate 46,3 milioni di ore. La variazione congiunturale rispetto a novembre, calcolata sui dati destagionalizzati, risulta pari al 13,6%.
Infine, per quanto riguarda gli interventi in deroga (Cigd), nel mese di dicembre 2014 sono state autorizzate 33,0 milioni di ore, con un incremento del +36,16% rispetto ai 24,2 milioni di ore autorizzate a dicembre 2013.
In questo caso, i dati destagionalizzati mostrano un incremento del 18,7% rispetto al mese di novembre 2014. Si noti che gli interventi in deroga risentono dei fermi amministrativi per carenza di stanziamenti.
Prima di fornire i dati relativi alla disoccupazione involontaria, ricordiamo ancora una volta che dal 1° gennaio 2013 sono entrate in vigore le nuove prestazioni ASpI e mini ASpI. Pertanto, le domande che si riferiscono a licenziamenti avvenuti entro il 31 dicembre 2012 continuano ad essere classificate come disoccupazione ordinaria, mentre per quelli avvenuti dopo il 31 dicembre 2012 le domande sono classificate come ASpI e mini ASpI.
Nel mese di novembre 2014 sono state presentate 136.609 domande di ASpI, 47.413 domande di mini ASpI, 732 domande tra disoccupazione ordinaria e speciale edile e 13.781 domande di mobilità, per un totale di 198.535 domande, il -10,5% rispetto alle 221.781 domande presentate nel mese di novembre 2013.
Alla sintesi dei dati qui fornita, si allega il file più completo, che offre un "focus" sulla diversa tipologia di interventi, un'analisi per ramo di attività economica e un'analisi per regione ed area geografica.
LORETO APRUTINO - Oggi pomeriggio, verso le 14, un autobus della Gtm pino di studenti è stato distrutto da un incendio, mentre percorreva la tratta Pescara - Loreto Aprutino - Penne.
Il devastante rogo si è sprigionato dal retro del mezzo e i ragazzi hanno immediatamente lanciato l'allarme all'autista, che tuttavia non è stato in grado di domare le fiamme con un estintore presente a bordo, poiché insufficiente alle proporzioni delle fiamme.
Fortunatamente, tutti gli occupanti sono stati fatti scendere sani e salvi prima che accadesse il peggio così nessuno è rimasto ferito.
Sul posto, sono intervenuti i Vigili del Fuoco di Pescara che sono riusciti a spegnere l'incendio e a stabilirne le cause esatte.
Ad ogni modo per il pullman non c'è stato nulla da fare ed è rimasta soltanto la carcassa fumante di ceneri essendo stato divorato dal rogo in pochi minuti.
Sul luogo sono giunti anche i Carabinieri, la Polizia Provinciale e i Vigili urbani che hanno eseguito i rilievi del caso chiudente al traffico la strada, poco distante dalla chiesa di Santa Maria delle Piane.
PESCARA - Lunedì 26 gennaio l'Istituto Comprensivo numero 8 di Pescara ospiterà l'ultima tappa abruzzese di "Smart Family", l'iniziativa Moige e Samsung per un uso responsabile delle nuove tecnologie. L'open day, presso la sede di Via Torino, 19, si articolerà in due incontri: la mattina con gli studenti e a pomeriggio (a partire dalle 17:30) con genitori e nonni.
Smart Family è la declinazione pedagogica del progetto Samsung Smart Future, che ha debuttato durante l'anno scolastico 2013/2014 e che rappresenta una grande opportunità per la scuola e per le famiglie italiane, contribuendo a incrementare la qualità della formazione tramite la digitalizzazione dell'insegnamento. Attraverso la fornitura di E-boards e tablet e corsi di formazione a 37 scuole primarie e secondarie italiane su tutto il territorio nazionale, e grazie alla realizzazione di una ricerca condotta dall'Università Cattolica di Milano nell'ambito dell'Osservatorio sui Media Digitali a Scuola, sono stati raggiunti importanti risultati rispetto al processo di apprendimento, come dimostra il giudizio fortemente positivo espresso sul progetto dagli attori oggetto dell'indagine.
Dalla ricerca, che ha coinvolto 199 genitori, 157 docenti (64% donne e 36% uomini) e 16 dirigenti scolastici, i primi in tutta Italia ad utilizzare i media digitali in ambito didattico, è emerso come la tecnologia non venga percepita come sostitutiva della didattica tradizionale, ma come un elemento che genera valore aggiunto: viene infatti ritenuta un aspetto vicino e quotidiano dal 35,49% degli insegnanti, che le attribuiscono il ruolo di aggregante per l'inclusione di studenti stranieri (60%) e diversamente abili (80%). Non solo: sul fronte studenti, gli insegnanti pensano che la tecnologia renda i ragazzi maggiormente responsabili (46%) e possa incidere anche sul rendimento (46%) e l'aggregazione (58%). Positivi i riscontri anche da parte dei genitori: per il 53,68% il tablet può contribuire a fare squadra e il 23,44% è fiducioso che, grazie al suo utilizzo, i figli possano acquisire competenze diverse. Inoltre, per il 23,25% del campione, il tablet è in grado di produrre strumenti e materiali per una didattica innovativa, per il 4,93% aumenta il livello di motivazione e per l'11,72% migliora l'attenzione in classe. Benefici concreti questi, che hanno anche attirato l'interesse verso l'iniziativa da parte massime Istituzioni Italiane, che stanno lavorando con Samsung per digitalizzare altre 54 scuole nell'anno scolastico 2014/2015.
In questo scenario, Smart Family si pone in particolare lo scopo di trasmettere a genitori, nonni e docenti l'importanza di una fruizione responsabile delle nuove tecnologie, per fornire loro gli strumenti necessari ad affiancare i minori - figli, nipoti e alunni - protagonisti nella navigazione e nell'apprendimento con le nuove tecnologie.  L'iniziativa si rivolge principalmente a genitori ed  agli studenti di 291 classi di scuola primaria e secondaria di primo grado tra quelle già digitalizzate nell'ambito del progetto Smart Future e coinvolgerà oltre 25mila partecipanti. Infatti, negli istituti coinvolti, gli operatori del Moige - con il supporto di dipendenti Samsung, in qualità di volontari – organizzeranno incontri e confronti con esperti, pedagogisti e psicologi, che sensibilizzeranno i presenti sull'uso sicuro e responsabile delle nuove tecnologie. Al termine di ogni incontro, i partecipanti riceveranno materiale didattico sulla tematica affrontata e avranno a disposizione un'area riservata sui siti istituzionali di Samsung e del Moige per accedere ai contenuti multimediali disponibili e scaricabili on-line.
"Da diversi anni Internet e le nuove tecnologie sono entrati nella vita dei nostri figli, portando con sé oltre alle opportunità, una molteplicità di rischi. Genitori, istituzioni ed aziende devono fronteggiare questo cambiamento e sentire la responsabilità di tutelare i minori dai pericoli sottesi ad un uso improprio del Web e dei media digitali. In quest'ottica l'iniziativa "Smart family" unisce vecchie e nuove generazioni sul tema della tecnologia e della sicurezza. Ha il duplice merito di rivolgersi ai giovani, insegnando loro la bellezza e la pericolosità della Rete, e quello di avvicinare le persone più adulte al mondo dei nativi digitali, aiutandole a superare le diffidenze verso i nuovi mezzi di comunicazione, ha affermato Maria Rita Munizzi, Presidente Nazionale Moige - movimento genitori.
"Ci stiamo impegnando sempre di più in iniziative come questa, con l'obiettivo di rendere i nostri ragazzi più competitivi sul mercato del lavoro, assicurando loro un futuro migliore e contribuendo allo sviluppo sociale ed economico di questo Paese. Smart Family rientra all'interno di questa strategia, proponendosi di creare valore attraverso l'innovazione per migliorare la società e la qualità di vita degli individui e ponendo l'attenzione sul corretto uso della tecnologia e media digitali. Questo progetto, in particolare, ci rende ancora più entusiasti, poiché vede la partecipazione attiva dei nostri dipendenti, che forniranno aiuto e consigli agli adulti sull'utilizzo delle nuove tecnologie, contribuendo ad accelerare il processo di digitalizzazione in Italia," afferma Carlo Barlocco, Deputy President di Samsung Electronics Italia.
La campagna "Smart Family" attraverserà 7 regioni d'Italia, dalla Lombardia alla Puglia, per un totale di 34 date in 29 scuole. In allegato il calendario del tour e la locandina della campagna.
Maggiori informazioni sono disponibili nella sezione dedicata dei siti www.samsung.it e www.moige.it.
IL CAIRO - La barba blu decorata in oro della maschera mortuaria del sarcofago di Tutankhamon conservato al Museo Egizio de Il Cairo si sarebbe staccata, probabilmente per una pulizia maldestra da parte degli addetti.
Sarebbe stata poi rincollata con un restauro affrettato, saltando le procedure e in maniera inadeguata, utilizzando una resina inadatta.
L'incidente che riguarda la parte finale del mento, si sarebbe verificato lo scorso mese di ottobre.
Ancora non c'è una versione ufficiale riguardante la figura funeraria del celebre faraone egizio, tuttavia pare che adesso tra il mento e la barba ci sarebbe un segno giallino e la zona sarebbe stata perfino graffiata dalla spatola usata per stendere la resina.
ORTONA - La scorsa notte un 46enne di Chieti è stato arrestato dai Carabinieri della Compagnia di Ortona, dopo aver tentato di aggredire l'ex moglie armato di un'ascia.
L'uomo è entrato senza permesso in casa della donna ad Ortona, minacciandola di morte per poi prenderla a calci e pugni.
Nonostante l'ex marito le avesse procurato contusioni allo stomaco e alle ginocchia, la 47enne è riuscita a difendersi ferendolo alla tempia mettendolo in fuga.
A questo punto, la povera vittima non ha potuto far altro che richiedere il pronto intervento dei militari che sono subito riusciti a rintracciare e fermare l'aggressore.
Tra l'altro, il Gip del Tribunale di Chieti aveva già vietato al 46enne di avvicinarsi alla casa familiare e ai luoghi abitualmente frequentati dall'ex consorte.
Pertanto, l'uomo è stato posto agli arresti domiciliari e adesso dovrà rispondere dei reati di maltrattamenti in famiglia, lesioni personali, minaccia aggravata e violazione di domicilio.
Infine, entrambi gli ex coniugi sono dovuti ricorrere alle cure dei sanitari dell'ospedale di Ortona per medicare le ferite riportate durante la colluttazione: lui è stato giudicato guaribile in sette giorni, mentre lei in tre.
messaggio pubblicitario