Venerdì 25 Aprile 2014

L'Aquila, aperto conto corrente per aiutare l'Emilia

Stampa
| Seguici su Google+

terremoto-emiliaL'AQUILA - I Comuni del "cratere" aquilano hanno aperto un conto corrente destinato all'aiuto delle popolazioni colpite dai terremoti del 20 e del 29 maggio.

Il conto è stato aperto nella Carispaq dove confluiranno le donazioni pubbliche e private. In tutti i Comuni aderenti le Giunte hanno gia' deliberato o stanno per deliberare un primo stanziamento e da parte delle associazioni locali verranno organizzate manifestazioni per raccogliere ulteriori fondi. Tutto quanto raccolto sara' destinato a una o piu' opere decise dai sindaci, i rappresentanti delle associazioni e i donatori.

Gli organizzatori ringraziano la Carispaq che ha consentito l'apertura di un conto corrente senza spese. L'IBAN e' il seguente: IT93P0604040770000000192994.

 

L'Aquila, aperto conto corrente per aiutare l'Emilia
© Riproduzione riservata

360°

se-questo-e-uno-zainetto
ROMA - "Camminavo guardando in alto, controllavo se arrivassero verso di noi bombe carta. Non mi sono...

Cultura

sincerita-soprattutto-in-amore
Un bilancio positivo per " SINCERITA' SOPRATTUTTO IN AMORE! ", dello spettacolo finale del Corso di...

Cinema & TV

video-festival-di-imperia-in-nome-di-fava-e-nel-segno-de-le-iene
Imperia - La  nona edizione  del  Video Festival di Imperia sta per partire nel ricordo di un “amico” ,...

DONNA

lanci-a-difesa-delle-donne
  TERAMO -  L’Associazione Regionale Comuni d’Abruzzo indice una  conferenza stampa, per il giorno 23...
10
H: 11°
L: 2°
LʼAquila
Lunedì, 05 Marzo
Previsioni a 7 giorni
Mar Mer Gio Ven Sab Dom
           
-2° -3° -3° -2° -3°

COMMUNITY

I TUOI AMICI SU FACEBOOK

SALUTE E BENESSERE

allergie-sfatiamo-alcuni-miti
PESCARA - Dietro a  quelle che potrebbero sembrare semplici perplessità, si nascondono invece molto...

Auto&Moto

-labruzzese-matteo-ciprietti-soddisfazione-al-mugello
Il Trofeo Honda NSF 250 R,  si è aperto sabato 05 Aprile, che ha coinciso pure con una giornata molto...

Gruppo Editoriale: MOS Agency