Giovedì 24 Luglio 2014

Sta per terminare la produzione della Jeep Liberty/Cherokee

Stampa
| Seguici su Google+

Una Jeep Liberty/CherokeeTOLEDO (OHIO - USA) - Da giovedì prossimo 16 agosto alcune parti dello stabilimento Chrysler di Toledo, in Ohio negli Stati Uniti, saranno chiuse in forma temporanea per allestire le linee produttive destinate ad accogliere la Jeep Liberty/Cherokee di nuova generazione.

In questo periodo, i settori interessati dell'odierna Liberty, la cui produzione quindi si concluderà entro la prossima settimana.

Nell'operazione Chrysler spenderà circa 1,7 miliardi di dollari, pari a 1,37 miliardi di euro, e aumenterà 1.100 posti di lavoro ai 2.800 di adesso.

Tra l'altro nello stabilimento sono prodotte anche le Wrangler e Wrangler Unlimited, ma entrambe non saranno interessate dai lavori.

Secondo i ben informati, le nuove Jeep Liberty/Cherokee saranno immesse nel mercato durante il secondo trimestre del prossimo anno.

Sta per terminare la produzione della Jeep Liberty/Cherokee
© Riproduzione riservata

360°

paolo-mieli-e-la-questione-ebraica-dopo-il-fascismo-a-civiella
Civitella del Tronto 15 luglio 2014 - “ La questione ebraica dopo la caduta del fascismo” è questo il...

Cultura

a-monteprandone-la-mostra-accesa-arte-illuminata-
MONTEPRANDONE - Palazzo Parissi - Vicolo della Dama, a cura di Giuliana Benassi Domenica 27 luglio...

Cinema & TV

gli-abruzzesi-de-il-leone-di-vetro-ruggiscono-a-venezia
Cos’è "Il Leone di vetro”? Vi dice nulla il fatto che  verrà presentato nello spazio della Regione del...

DONNA

chi-dice-donna-dice-alba-adriatica
ALBA ADRIATICA - La donna è un elemento della natura, estremamente poliedrico quanto...

COMMUNITY

I TUOI AMICI SU FACEBOOK

SALUTE E BENESSERE

200-milioni-i-bambini-troppo-grassi
Milano, 2 luglio 2014 - “L’obesità è ormai una vera e propria epidemia da considerare uno dei maggiori...

Auto&Moto

imolayrton-ricorda-senna-ma-la-sorella-non-partecipa
IMOLA - ImolAyrton 2014, è una manifestazione che iniziata il 1° maggio si concluderà domenica 4: è il...

Gruppo Editoriale: MOS Agency