Giovedì 24 Luglio 2014

General Motors: sistema wi-fi per "vedere" i pedoni

Stampa
| Seguici su Google+

wireless-pedestrian-detectionLa General Motors sta sviluppando un sistema Wi-fi che permetterebbe all'auto di "vedere" i pedoni, proprio grazie alla connettività wifi, e avvertire il guidatore della sua presenza.
La nuova teconologia, chiamata "Wireless Pedestrian Detection", aggancerà il segnale wireless di smartphone & co. in circa un secondo (contro gli 8 richiesti solitamente per connettersi alla rete) in modo da segnalarne tempestivamente la presenza tramite un avviso acustico e uno visivo.
Inoltre, la casa automobilistica americana, sta sviluppando un app da scaricare in modo da farsi identificare come "pedone", "ciclista" o altra categoria di "non automobilisti", facilitando così il riconoscimento da parte del Wireless Pedestrian Detection.
Quasi certamente questo nuovo sistema sarà parte integrante della gran parte dei modelli General Motors.

General Motors: sistema wi-fi per
© Riproduzione riservata

360°

paolo-mieli-e-la-questione-ebraica-dopo-il-fascismo-a-civiella
Civitella del Tronto 15 luglio 2014 - “ La questione ebraica dopo la caduta del fascismo” è questo il...

Cultura

a-monteprandone-la-mostra-accesa-arte-illuminata-
MONTEPRANDONE - Palazzo Parissi - Vicolo della Dama, a cura di Giuliana Benassi Domenica 27 luglio...

Cinema & TV

gli-abruzzesi-de-il-leone-di-vetro-ruggiscono-a-venezia
Cos’è "Il Leone di vetro”? Vi dice nulla il fatto che  verrà presentato nello spazio della Regione del...

DONNA

chi-dice-donna-dice-alba-adriatica
ALBA ADRIATICA - La donna è un elemento della natura, estremamente poliedrico quanto...

COMMUNITY

I TUOI AMICI SU FACEBOOK

SALUTE E BENESSERE

200-milioni-i-bambini-troppo-grassi
Milano, 2 luglio 2014 - “L’obesità è ormai una vera e propria epidemia da considerare uno dei maggiori...

Auto&Moto

imolayrton-ricorda-senna-ma-la-sorella-non-partecipa
IMOLA - ImolAyrton 2014, è una manifestazione che iniziata il 1° maggio si concluderà domenica 4: è il...

Gruppo Editoriale: MOS Agency